Con una piccola donazione mensile, contribuisci a sostenere progetti di emergenza o di sviluppo dell'UNHCR. 

Leggi le informazioni sulle nuove normative UE sul RID

Scopri come diventare dialogatore UNHCR e invia il tuo social CV!

Regali solidali UNHCR: magliette, agende, borsine e bomboniere. Scopri tutti i dettagli!

Scarica il rapporto annuale 2012!

Clicca qui per scaricare la racolta di buone prassi relative al progetto Praesidium

Convenzione di Ginevra


Share |


LA CONVENZIONE DI GINEVRA DEL 1951 RELATIVA ALLO STATUS DEI RIFUGIATI E IL PROTOCOLLO DEL 1967

Il rifugiato è colui "che temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si trova fuori del Paese di cui è cittadino e non può o non vuole, a causa di questo timore, avvalersi della protezione di questo Paese; oppure che, non avendo cittadinanza e trovandosi fuori del Paese in cui aveva residenza abituale a seguito di tali avvenimenti, non può o non vuole tornarvi per il timore di cui sopra" [Articolo 1A della Convenzione di Ginevra del 1951 relativa allo status dei rifugiati].

Il 28 luglio del 1951, una conferenza speciale dell’ONU approvò, a Ginevra, la Convenzione relativa allo Status dei Rifugiati. La Convenzione detta in chiare lettere chi può essere considerato un rifugiato e le forme di protezione legale, altra assistenza e diritti sociali che il rifugiato dovrebbe ricevere dagli Stati aderenti al documento. Al contempo, la Convenzione definisce anche gli obblighi del rifugiato nei confronti dei governi ospitanti e alcune categorie di persone, ad esempio i criminali di guerra, che non possono accedere allo status di rifugiati.

Alcuni mesi prima dell’approvazione della Convenzione, il 1° gennaio 1951, aveva cominciato ad operare l’appena costituito Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Nei decenni che seguirono la Convenzione è rimasta il pilastro normativo sul quale si è basata l’opera intrapresa dall’agenzia per assistere e proteggere circa 50 milioni di rifugiati.

Questo primo strumento era inizialmente limitato a proteggere i rifugiati perlopiù europei provocati dalla seconda guerra mondiale, ma un Protocollo del 1967 ne ha esteso il raggio d’azione sulla spinta delle dimensioni globali assunte dal problema dell'esodo forzato. Il documento originario ha anche ispirato la stesura di strumenti regionali quali la Convenzione africana sui rifugiati del 1969 e la Dichiarazione di Cartagena del 1984 nell’ambito dell’America Latina.

Complessivamente, sono 147 gli Stati che hanno aderito ad uno o ambedue gli strumenti normativi dell’ONU. Ma con il mutare delle tendenze globali della migrazione e con l’aumento drammatico dei flussi di popolazione verificatisi negli ultimi anni sono emersi alcuni dubbi sull’attualità ed efficacia della Convenzione del 1951, in particolar modo in Europa, per ironia della sorte il luogo di nascita della stessa Convenzione.

L’UNHCR attualmente assiste milioni di persone e la Convenzione, che si è dimostrata eccezionalmente flessibile di fronte ad un mondo in rapida evoluzione, continua ad essere l’architrave dell’attività di protezione dei rifugiati.

Scarica il testo integrale della Convenzione


 

Dona online

Restaci vicino! Iscriviti alla e-newsletter




Informativa art. 13, d. lgs 196/2003
autorizzazione al trattamento dei dati

I tuoi dati saranno trattati, con modalità prevalentemente elettroniche, da UNHCR - titolare del trattamento -
Via A. Caroncini 19, 00197 Roma (RM), per l'invio dell'e-newsletter richiesta, che contiene informazioni sui nostri progetti,
iniziative e attività di raccolta di fondi. Responsabile del trattamento è: ContactLab S.r.l. Sede legale: Via Natale Battaglia, 12 - 20127 Milano.
I dati saranno trattati per i predetti fini dagli incaricati preposti al servizio sostenitori e marketing, alla raccolta di fondi,
ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell'art. 7, d. lgs 196/2003, si possono esercitare i relativi diritti
fra cui consultare, modificare, cancellare i dati od opporsi al loro trattamento per invio di materiale informativo o richiedere
l'elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento, scrivendo al titolare al suddetto indirizzo postale o inviando un'e-mail a itarodon@unhcr.org.

 
  RSS