“Another Brick in the Wall”

Milano, 1° dicembre 2016

Ha riscosso grande successo il secondo evento charity organizzato dall’UNHCR in Italia, “Another Brick in the Wall”, tenutosi il 1 dicembre presso lo Spazio Calabiana, messo a disposizione gratuitamente dal talentuoso e giovane innovatore italiano Davide Dattoli.

Grazie alla direzione artistica di Stage Entertainment Events, produttrice di grandi musical che a Milano gestisce il Teatro Nazionale, la cena ha assunto le sembianze di un evento emozionate e unico. Nel corso della serata si è anche tenuta un’asta solidale, organizzata da Charity Stars, che ha visto gli ospiti “sfidarsi” tra loro per aggiudicarsi i premi in palio ed accrescere così l’importo della raccolta fondi.

Il charity event, che ha avuto come main sponsor Maserati, ha visto la partecipazione di numerose aziende sostenitrici dell’UNHCR, grandi donatori e celebrities come Bianca Balti, Marica Pellegrinelli, Niccolò Campriani e Nick De Nightfly, uniti per sostenere l’istruzione dei bambini rifugiati.

Tutti i fondi raccolti grazie all’evento verranno devoluti al progetto “Educate a Child”, che con una spesa media di soli 22 euro consente di far studiare per un anno un bambino rifugiato nei 12 paesi che ospitano più rifugiati e sfollati al mondo.

Nel corso della serata sono stati raccolti complessivamente 105mila euro, che garantiranno un anno di istruzione a oltre 4.770 bambini. 

L’UNHCR ringrazia tutte le aziende che hanno dato il loro contributo alla raccolta fondi per i bambini rifugiati: ADECCO, ALLIANZ, BANCA SVIZZERA ITALIANA, BORSA ITALIANA, BUONGIORNO, CAMERA NAZIONALE MODA ITALIANA, FAI SERVICE, GENERAL PACKING, GUCCI, ING DIRECT, INTHERA, ENEL, MEDIADATA, MEDIAXCHANGE, METADONORS, MONZESI, PHINANCE PARTNERS, PUPA, PIRELLI, INC,  SPINDOX, STUDIO BERNASCONE con GITTI AND PARTNERS, STUDIO NOTARILE CALAFIORI – RICCI, UNIPOL.

Un ringraziamento particolare ai nostri sostenitori GIANNA MARTINENGO, GIOVANNI GELMETTI e JOHN SHEHATA.

[Best_Wordpress_Gallery id=”5″ gal_title=”Another Brick in the Wall”]