ALLARME UNHCR E WFP: PERICOLO DI FAME E MALNUTRIZIONE PER I RIFUGIATI IN AFRICA CON IL COVID-19 CHE AGGRAVA LE MANCANZE DI CIBO

Pubblicato il 09 luglio 2020 alle 14:45

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’agenzia ONU World Food Programme (WFP) avvertono che la grave mancanza di finanziamenti, i conflitti e i disastri, nonché le sfide poste alle catene di approvvigionamento, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari e la perdita di reddito causati dal COVID-19, minacciano di lasciare milioni di rifugiati in Africa senza cibo.

“Milioni di rifugiati in tutta l’Africa contano su aiuti regolari per soddisfare le proprie esigenze alimentari”, ha detto Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati. “Circa la metà di loro sono bambini, che potrebbero sviluppare difficoltà per tutta la vita se privati ​​del cibo nelle fasi vitali del loro sviluppo.”

A meno che non vengano prese misure urgenti per fare fronte alla situazione, si prevede un aumento dei livelli di malnutrizione acuta, di arresto della crescita e di anemia. In Etiopia, nei campi rifugiati, il 62% dei bambini presenta livelli critici di anemia.

“Mentre la situazione continua a peggiorare per tutti, il disastro è amplificato per i rifugiati che non hanno assolutamente nulla per ammortizzare i danni”, ha detto David Beasley, Direttore Esecutivo del WFP. “Nel migliore dei casi, i rifugiati vivono in condizioni di sovraffollamento, faticano a soddisfare i propri bisogni di base e spesso, per sopravvivere, non hanno altra scelta che fare affidamento sull’assistenza esterna. Ora più che mai, hanno bisogno del nostro sostegno salvavita.”

Il WFP sta fornendo assistenza alimentare ad oltre 10 milioni di rifugiati nel mondo, compresi quelli nei più grandi insediamenti di rifugiati, come quello di Bidibidi in Uganda, dove le razioni sono state ridotte del 30% ad aprile a causa della mancanza di finanziamenti.

Anche i rifugiati che in precedenza riuscivano a nutrirsi e provvedere a se stessi, compresi molti che vivono in aree urbane e coloro che lavorano nell’economia informale, stanno affrontando sfide difficili. Un gran numero di loro ha perso l’ unica fonte di reddito per la scomparsa delle possibilità di lavoro a causa delle misure di prevenzione da COVID-19. La maggior parte dei rifugiati non è coperta da sistemi di protezione sociale, lasciando molte famiglie indigenti e dipendenti dall’assistenza umanitaria. In Sudafrica, molti rifugiati corrono il rischio di essere sfrattati e si sono rivolti ai centri di assistenza dell’UNHCR in disperato bisogno di cibo e sostegno.

Allo stesso tempo, le restrizioni alle importazioni e alle esportazioni stanno limitando le catene di approvvigionamento. Nel Sahel, area in gran parte senza sbocco sul mare, le misure di prevenzione anti COVID-19, come la chiusura delle frontiere e le restrizioni ai movimenti, limitano la capacità di trasporto dei prodotti in una regione in cui l’insicurezza crescente, la violenza e i conflitti – aggravati dall’impatto dei cambiamenti climatici e della povertà – hanno compromesso la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza di milioni di persone. L’assistenza a gruppi estremamente vulnerabili, compresi gli oltre 1,2 milioni di rifugiati nella regione, ha bisogno di essere sostenuta.

In Camerun, a maggio e giugno, il WFP è stato costretto a ridurre la sua assistenza ai rifugiati della Repubblica Centrafricana del 50% a causa della mancanza di finanziamenti e, sulla base degli attuali livelli di finanziamento, dovrà interrompere completamente l’assistenza in denaro a partire da agosto. Da luglio i tagli alle razioni sono previsti anche per i rifugiati nigeriani nel paese.

In tutta l’Africa orientale, misure sanitarie non standardizzate a diverse frontiere hanno creato congestioni, ritardando il flusso vitale degli aiuti e del commercio. La mancanza di riconoscimento dei risultati dei test nei paesi vicini e la necessità di attendere i risultati dei test hanno causato lunghe code e ritardi alle dogane. I ritardi nei trasporti indotti dal COVID-19 hanno avuto un impatto negativo sul preposizionamento del cibo nel Sud Sudan prima della stagione delle piogge, costringendo il WFP a fare l’impossibile per mantenere le strade agibili durante le piogge, con un rischio crescente di dover ricorrere a operazioni aeree estremamente costose qualora le opzioni via terra si rivelassero impraticabili.

In molte aree del continente, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari rappresenta una minaccia potenzialmente devastante per milioni di rifugiati, in particolare per coloro che vivevano già ai limiti con i precari salari giornalieri. Nella Repubblica del Congo, il prezzo medio di un paniere alimentare di base è aumentato del 15%, mentre in Ruanda, il monitoraggio del WFP dei mercati nei pressi dei campi rifugiati ha rilevato che i prezzi dei prodotti alimentari, ad aprile, erano già in media del 27 per cento più alti rispetto al 2019 e del 40 per cento rispetto al 2018.

Il risultato è che molti rifugiati ricorrono a strategie negative di adattamento, come saltare i pasti o ridurre le porzioni. Si stima che oltre l’80% dei rifugiati in Sud Sudan ricorra a tali misure. In alcuni casi, i rifugiati ricorrono a pratiche quali la richiesta di elemosina, al sesso in cambio di denaro o ai matrimoni precoci o forzati per riuscire a permettersi il cibo.

A fronte di una grave mancanza di fondi, l’UNHCR e il WFP faticano a soddisfare le crescenti esigenze con, in prospettiva, un peggioramento della situazione in molti casi, dovuto all’aumento dei costi, in parte a causa delle spese impreviste legate alla fornitura di pasti cotti nelle strutture in quarantena. Oltre ai recenti tagli in Uganda, oltre 3,2 milioni di rifugiati nell’Africa orientale stanno già ricevendo razioni ridotte a causa della mancanza di fondi, tra cui Etiopia, Kenia, Sudan, Sud Sudan e Tanzania. Carenze significative di finanziamento minacciano o hanno già provocato tagli alimentari nella Repubblica Democratica del Congo, in Malawi, Mozambico e Zambia.

L’UNHCR e il WFP sono preoccupati dell’impatto negativo della ridotta assistenza ai rifugiati e sollecitano ulteriori finanziamenti da parte dei donatori nella comunità internazionale al fine di evitare che i rifugiati soffrano la fame. A livello globale, le attività del WFP a supporto dei rifugiati hanno bisogno di oltre 1,2 miliardi di dollari per i prossimi sei mesi (luglio-dicembre), di cui circa 694 milioni di dollari per le operazioni in Africa. Nell’ambito del più ampio Piano di Risposta Umanitaria Globale delle Nazioni Unite per il COVID-19, l’UNHCR ha bisogno di circa 745 milioni di dollari per interventi salvavita, di cui 227 milioni per operazioni in Africa.

I governi africani sono esortati a garantire che i rifugiati e le popolazioni sfollate siano inclusi nelle reti di sicurezza sociale e nei piani di risposta al COVID-19, in linea con gli impegni assunti nel Global Compact on Refugees, per garantire loro la possibilità di accedere al cibo e all’assistenza in contanti di emergenza.

FINE

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, guida l’azione internazionale volta alla protezione delle persone costrette a fuggire a causa di conflitti e persecuzioni. Fornisce assistenza salva-vita come alloggi, cibo e acqua potabile, contribuisce a tutelare i diritti umani fondamentali e sviluppa soluzioni per garantire alle persone un luogo sicuro che possano chiamare casa e in cui possano costruire un futuro migliore. Lavora anche per garantire che gli apolidi possano avere una nazionalità.

L’UNHCR sta adottando delle misure per rispondere all’emergenza sanitaria pubblica dovuta al COVID-19 e per prevenirne l’ulteriore diffusione. Lavorando insieme ai governi, l’UNHCR assicura che i rifugiati siano inclusi nei piani nazionali di risposta sanitaria e che siano ben informati su come prevenire la diffusione di COVID-19, che abbiano accesso a sapone e acqua pulita e che continuino a ricevere gli aiuti e l’assistenza salvavita di cui hanno bisogno.

Seguici su Twitter @refugeesmedia

 

Il World Food Programme delle Nazioni Unite è la più grande organizzazione umanitaria al mondo, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

Seguici su Twitter @WFP_IT, @wfp_media, @WFP

 

Per maggiori informazioni:

UNHCR
A Ginevra, Charlie Yaxley, yaxley@unhcr.org, +41 795 808 702

A Ginevra, Babar Baloch, baloch@unhcr.org, +41 79 513 9549

A Dakar, Romain Desclous, desclous@unhcr.org, +221 786 396 385

A Pretoria, Helene Caux, caux@unhcr.org, + + 27 82 376 5190

 

WFP
A Roma, Isheeta Sumra, isheeta.sumra@wfp.org,+ 39 347 181 4398

A Nairobi, Peter Smerdon, peter.smerdon@wfp.org, +254 707 722 104

A Dakar, George Fominyen, george.fominyen@wfp.org, +221 776394271

A Johannesburg, Gerald Bourke, gerald.bourke@wfp.org, +27 82 90 81 417