L’UNHCR esprime indignazione per gli insensati attacchi contro gli operatori umanitari in Sud Sudan

Pubblicato il 03 dicembre 2019 alle 12:54

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, esorta ad assicurare maggiore protezione agli operatori umanitari in Sud Sudan in seguito all’attacco sferrato da uomini armati ai danni di un’agenzia umanitaria internazionale nel fine settimana.

L’attacco devastante è avvenuto nelle prime ore del mattino di domenica 1 dicembre, quando il gruppo armato ha fatto irruzione all’interno della sede di una ONG a Bunj, nella contea di Maban, nell’Alto Nilo, aggredendo violentemente il personale e rubandone gli effetti personali.

L’UNHCR condanna fermamente questo gesto ingiustificato ai danni di operatori umanitari impegnati sul posto per migliorare le vite di rifugiati e cittadini sudsudanesi vulnerabili.

Negli ultimi mesi si è assistito a un aumento degli attacchi nei confronti degli operatori umanitari nel Paese. Le violenze perpetrate domenica avvengono a un solo mese di distanza dall’uccisione di tre membri del personale delle Nazioni Unite operativi nella regione dell’Equatoria Centrale, in Sud Sudan.

Il Paese più giovane del mondo continua a essere a livello globale una delle zone più violente in cui assicurare assistenza umanitaria. Garantire l’incolumità e la sicurezza degli operatori in Sud Sudan è ora diventata una sfida di primaria importanza. Tale situazione ostacola continuamente gli interventi umanitari destinati a uno dei popoli più disperati al mondo.

L’UNHCR rivolge un appello affinché si rispettino maggiormente i diritti umani e il diritto umanitario internazionale, si proteggano dalle violenze i civili e gli operatori umanitari, e si assicurino immediatamente i responsabili alla giustizia.

Per maggiori informazioni: