L’UNHCR esprime preoccupazione per l’impatto umanitario delle continue violenze nel sud degli Stati di Chin e di Rakhine, in Myanmar

Pubblicato il 08 febbraio 2019 alle 1:21

L’UNHCR, l’Agenzia della Nazioni Unite per i Rifugiati, monitora con attenzione l’inasprirsi delle violenze e il deteriorarsi delle condizioni di sicurezza nel sud degli Stati di Chin e di Rakhine. La crisi in atto avrebbe causato una nuova ondata di sfollati interni e di nuovi arrivi in fuga dal Myanmar nella regione di confine di Bandarban, in Bangladesh.

L’UNHCR esprime profonda preoccupazione per l’impatto umanitario delle continue violenze in Myanmar e per il rischio che il numero di sfollati interni e di rifugiati in fuga dal Paese aumenti ulteriormente.

Nell’ambito degli interventi inter-agenzie nella regione, l’UNHCR è pronto a sostenere la risposta umanitaria nelle aree del Myanmar colpite. L’UNHCR, inoltre, ha offerto il proprio supporto al Governo del Bangladesh per valutare e rispondere ai bisogni della popolazione in fuga dalle violenze in Myanmar.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati esprime gratitudine al Governo del Bangladesh per la generosità e la leadership dimostrate nell’accogliere oltre 720.000 rifugiati a partire dall’agosto 2017. L’UNHCR lancia un appello alle autorità del Bangladesh affinché continuino a non ostacolare la fuga della popolazione dalle violenze in Myanmar.


Per maggiori informazioni
: