Una bambina maliana si oppone al matrimonio forzato per continuare a studiare

Fatimata, 12 anni, è riuscita ad opporsi al matrimonio combinato e a fuggire, ma il suo caso riflette un problema più ampio tra i rifugiati maliani in Mauritania.

Seduta nella tenda di famiglia nel campo di Mbera in Mauritania, la dodicenne Fatimata è concentrata a disegnare un fiore sul quaderno di scuola.

Dietro di lei sono ammucchiati i materassi e le coperte che sarebbero stati la sua dote se non avesse resistito al tentativo della sua famiglia di sposarla con la forza a un cugino che fa il pastore in Mali.

“È stato solo il giorno in cui mio zio è venuto qui dal Mali che ho capito che i miei genitori avevano preso accordi per me”, ha detto. “Nessuno mi ha chiesto se volevo sposarmi. Ero così spaventata che sono scappata”.

“Ora so che avevano discusso a lungo prima di chiedere a mio zio di venire qui per prendermi come sposa per suo figlio, un cugino che abita in Mali”, ha aggiunto. “Non l’ho mai incontrato e non conosco la sua età, ma so che è molto più vecchio di me”.

Il campo di Mbera, dove Fatimata vive dall’età di sei anni, si trova nella Mauritania sud-orientale, vicino al confine con il Mali. A seguito delle violenze scoppiate nel nord del Mali nel 2012, hanno trovato riparo nel campo più di 56.000 rifugiati maliani, in maggioranza Tuareg e pastori arabi che hanno perso i loro mezzi di sostentamento a causa del conflitto.

L’insicurezza diffusa nel nord del Mali continua a causare nuovi esodi. Solo da gennaio 2018, nel campo di Mbera sono stati registrati oltre 4.700 nuovi arrivi, con i rifugiati che condividono resoconti di minacce, estorsioni ed esecuzioni sommarie da parte di gruppi armati, insieme ai racconti sulle estenuanti condizioni di vita nel paese.

Povertà e vulnerabilità all’interno della popolazione del campo hanno contribuito al fenomeno dei matrimoni precoci forzati. Nel 2017, 97 casi sono stati registrati dall’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ma il numero reale è probabilmente molto più alto. L’UNHCR, insieme a partner tra cui l’UNICEF e l’ONG italiana Intersos, ha istituito una rete di sicurezza per fornire protezione ai bambini nel campo.

“Mio zio mi ha legato con una corda per assicurarmi che non fuggissi di nuovo”.

Poco dopo la sua fuga, Fatimata è stata ritrovata e riportata nella tenda dei suoi genitori. “Mio zio mi ha legato con una corda per assicurarmi che non fuggissi di nuovo, ma sono riuscita a liberarmi e a fuggire ancora una volta a casa di mio cugino dall’altra parte del campo”, ha detto.

Ha aspettato fino al mattino, prima di andare alla scuola più vicina per cercare aiuto.

“Quando ho trovato Fatimata, era sofferente e aveva lividi sulle braccia e sul collo dovute alla fune con cui era stata legata”, ha detto il rifugiato Halima Sidiwa, un punto focale della comunità incaricato da Intersos di accogliere i bambini a rischio, offrendo loro un posto sicuro dove stare, mentre i loro casi sono esaminati.

Fatimata ha trascorso cinque giorni a casa di Halima, rifiutandosi di tornare dai suoi genitori fino a quando suo zio non se ne fosse andato. “Era terrorizzata e piangeva perché voleva tornare a scuola”, ha ricordato l’Assistente Senior per la Protezione dell’UNHCR Houleymata Diawara, che, insieme ad altri operatori, ha discusso il caso di Fatimata con i leader della comunità prima di incontrare la famiglia della ragazza.

Le discussioni con la famiglia non sono state facili, nonostante tra gli oppositori del matrimonio ci fosse anche la madre di Fatimata, Walet. “Ovviamente, non ero contenta all’idea di dare via mia figlia così piccola e ho espresso il mio scontento, ma non mi hanno ascoltato”, ha detto.

“Quando mio padre ha saputo del problema, mi ha avvertito di non interferire tra mio marito e suo fratello maggiore e lasciare che facessero ciò che dovevano fare”, ha aggiunto. “Nella nostra cultura, il fratello minore deve rispettare le decisioni prese dal fratello maggiore. E lui aveva già deciso che avrebbe preso mia figlia, così ho fatto un passo indietro”.

“Ora che il matrimonio è saltato, non ho più paura”.

Dopo un lungo processo, il nostro team di protezione e i leader della comunità sono stati in grado di convincere la famiglia a revocare il matrimonio e consentire a Fatimata di continuare la sua istruzione nel campo.

“Ora che il matrimonio è saltato, non ho più paura”, ci ha detto una sorridente Fatimata. “Ho sentito che hanno trovato un’altra moglie per mio cugino e sono felice di poter andare a scuola”.

Il rappresentante dell’UNHCR in Mauritania Nabil Othman ha affermato che l’agenzia e i suoi partner continueranno ad impegnarsi con la comunità per sensibilizzare l’opinione pubblica e cercare di prevenire altri casi di matrimoni precoci forzati.

La presenza di un sistema affidabile di segnalazione e protezione è fondamentale per sostenere la tutela dei bambini, ha affermato. “La documentazione è uno strumento di protezione dei bambini molto importante che ci consente di intervenire in caso di matrimoni precoci forzati”, ha aggiunto Othman.

La Mauritania ha recentemente iniziato a consegnare certificati di nascita a tutti i rifugiati maliani nati nel campo, in modo che si possa provare la loro età. Questo fattore gioca un ruolo chiave nella protezione dei minori permettendo alle autorità di identificare i casi di matrimoni precoci forzati e altre forme di abuso, ancora prima di raccogliere prove contro gli autori.