La nuova vita di una madre siriana nel Regno Unito

Una madre siriana ha la possibilità di ricominciare la sua vita nel Regno Unito, dopo aver perso suo marito, suo fratello e suo padre nel conflitto in Siria.

Di Charlie Dunmore ad Amman, Giordania | 05 febbraio 2020

Asmaa è fuggita dalla Siria in Giordania nel 2012, incinta del suo secondo figlio. A soli 21 anni era già stata esposta a violenze orribili, alla scomparsa di suo fratello e all’uccisione di suo marito Noor. Il conflitto che infuriava nel suo Paese aveva distrutto la sua giovane vita.

Sconvolti dal dolore e dalla fuga, lei e la sua famiglia vivevano come rifugiati nella capitale giordana, Amman, quando sono stati colpiti da una nuova tragedia. Un notiziario televisivo sugli eventi in Siria ha confermato la morte del fratello Mohammad, che aveva solo 16 anni quando era scomparso. E l’agonia non era ancora finita.

“[Mio padre] spense la televisione, abbracciò mia madre e le disse: ‘Non essere triste. Non siamo le uniche persone che hanno perso qualcuno'”, ricorda Asmaa. “Poi ha avuto un infarto. Abbiamo chiamato il 911 e quando sono arrivati ci hanno detto che era morto”.

“Volevo essere una donna indipendente”.

Asmaa, giovane vedova con due figli piccoli da mantenere, ha cercato aiuto da enti di beneficenza locali e ha cercato lavoro per tirare avanti. Ma oltre all’assistenza, spesso riceveva anche consigli indesiderati.

“Molte volte la gente mi chiedeva: ‘Perché cerchi aiuto, perché vuoi lavorare? Dovresti sposarti e lasciare che tuo marito si prenda cura di te’. Ma io non volevo farlo. Volevo trovare un lavoro, perché volevo essere una donna indipendente”, ha spiegato.

Nella convinzione che l’istruzione fosse la strada da percorrere per diventare indipendente, Asmaa ha fatto domanda per sostenere gli esami del liceo, che non aveva mai superato. Ha frequentato i corsi del British Council di Amman per imparare l’inglese. Lì, ha sentito parlare di un programma di borse di studio dell’UE per studiare alla Open University del Regno Unito. E’ stata una delle sei persone selezionate per studiare legge tra 150 candidati.

Ora ha 29 anni e dopo tre anni di studio intenso, si sta preparando a sostenere gli esami finali. Ma il ripasso è passato in secondo piano nelle ultime settimane, a causa di un cambiamento di vita ancora più grande.

“Sarà un futuro migliore per i miei figli”.

In base al loro livello di vulnerabilità, l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha valutato Asmaa e la sua famiglia come ammissibili al reinsediamento in un paese terzo. Alla fine dello scorso anno, Amsaa e i suoi due figli, insieme alla madre e al fratello minore, sono stati accettati per il reinsediamento nel Regno Unito e si trasferiranno a breve nel nord-est dell’Inghilterra.

Asmaa ha detto che il trasferimento darà a lei e ai suoi figli la possibilità di una nuova vita, verso la quale ha lavorato duramente da quando ha lasciato la Siria.

“Ero scioccata, ma così felice. Soprattutto perché andremo nel Regno Unito, dopo che ho studiato il diritto britannico”, ha spiegato. “Penso che tutto sarà diverso. Troverò un lavoro, avrò dei buoni amici lì. Per i miei figli, sarà un futuro migliore”.

“Le opportunità di lavoro e di istruzione sono limitate in Giordania, ma non si può chiedere altro quando ti hanno accolto e ti hanno dato tutto quello che potevano”, ha continuato Asmaa. “Le famiglie giordane ora devono affrontare gli stessi problemi”.

Asmaa e la sua famiglia erano tra gli 81.666 rifugiati presentati a livello globale nel 2019 dall’UNHCR per il reinsediamento in 29 Paesi, con oltre il 90% dei casi riferiti accettati dagli Stati di accoglienza.

In totale, più di 63.000 rifugiati sono stati reinsediati l’anno scorso, secondo le cifre pubblicate mercoledì, superando l’obiettivo fissato nella Strategia triennale per il reinsediamento e i percorsi complementari (2019-2021) nell’ambito del Patto Globale sui Rifugiati.

“So che se lavorerò sodo, troverò le opportunità”.

Nonostante queste cifre incoraggianti, i progetti dell’UNHCR prevedono che un totale di 1,4 milioni di rifugiati residenti in 65 paesi ospitanti in tutto il mondo abbiano bisogno di reinsediamento. Questo significa che i casi presentati nel 2019 rappresentano solo il 6% del fabbisogno totale. Inoltre, le stime attuali suggeriscono che nel 2020 saranno resi disponibili meno di 60.000 posti di reinsediamento, al di sotto dell’obiettivo di 70.000 arrivi fissato nella Strategia triennale.

Asmaa dice di essere consapevole che insieme alla sua famiglia è tra i pochi fortunati ad avere la possibilità di un nuovo inizio in un nuovo paese. Ma è determinata a ripagare l’opportunità che le è stata data con il duro lavoro. La sua preoccupazione più urgente è come trasporterà la pila di libri di testo giuridici che è alta quasi quanto lei e che deve rivedere per gli esami finali.

“Dopo la laurea voglio trovare un lavoro, essere indipendente e mantenermi”, ha detto. “So che se lavorerò sodo, troverò le opportunità per me e per i miei figli. Non voglio che il governo britannico spenda soldi per me. E’ abbastanza che abbia accettato me e la mia famiglia nel paese”.