Le scuole del Costa Rica aprono le loro porte ai bambini rifugiati

Grazie alla generosità delle città di confine in Costa Rica, migliaia di bambini in fuga dalla crisi sociale e politica in Nicaragua sono stati in grado di tornare in classe.

Il primo giorno in una nuova scuola può essere stressante per ogni bambino. Ma il primo giorno di lezioni di Lina* e Miguel* a Upala, una piccola città vicino al confine settentrionale del Costa Rica con il Nicaragua, ha cambiato la loro vita.

I due fratelli infatti non andavano a scuola da più di un anno, da quando la loro famiglia era stata costretta a fuggire dal Nicaragua a causa della crisi sociale e politica in corso nel paese.

Per Melissa*, la mamma di Lina e Miguel, decidere di interrompere i loro studi e portarli via dal Nicaragua è stato straziante. Ma lasciare che continuassero ad andare a scuola nel paese sarebbe stato ancora peggio.

Dopo che il fratello di Melissa ha preso parte alle proteste che hanno scosso la nazione centroamericana a partire dall’aprile 2018, l’intera famiglia ha infatti iniziato a ricevere minacce di morte. Melissa era preoccupata che Lina, 10 anni, e Miguel, 14, potessero essere presi di mira nel tragitto da casa a scuola e viceversa.

“Non sopportavo l’idea che i miei figli potessero essere in pericolo”, dice Melissa, 35 anni.

 

“Siamo riusciti a malapena a fuggire con una piccola valigia.”

 

Alla fine la famiglia ha scelto di unirsi ai circa 75.000 nicaraguensi che sono fuggiti dal Paese dal 2018, tra intimidazioni diffuse e violenze mirate che hanno seguito l’ondata di proteste anti-governative.

La stragrande maggioranza di coloro che sono fuggiti ha cercato sicurezza in Costa Rica, oltre il confine meridionale del Nicaragua. Secondo l’Autorità per la migrazione del Costa Rica, nel mese di maggio 2019 circa 61.791 nicaraguensi hanno presentato domanda di asilo o stavano preparando la loro domanda.

Le norme e i regolamenti dei paesi ospitanti possono a volte rendere molto difficoltoso riprendere gli studi per molti bambini sfollati in tutto il mondo. Anche per Lina e Miguel tali norme avrebbero potuto essere un problema, perché la famiglia non aveva avuto altra scelta che fuggire senza avere il tempo di portare con sé documenti importantissimi, compresi i registri scolastici.

“Era molto pericoloso per me andare a Managua per ottenere i passaporti o alla scuola, per ottenere i voti e i certificati dei miei figli”, spiega Melissa. “Siamo riusciti a malapena a fuggire con una piccola valigia.”

 

 

Dei 25,9 milioni di rifugiati in tutto il mondo registrati alla fine dello scorso anno, circa la metà sono bambini. Di essi, meno di due terzi, il 61%, frequenta la scuola primaria, secondo un rapporto sull’istruzione pubblicato dall’UNHCR nel 2018.

Ma in Costa Rica la scuola elementare è gratuita e obbligatoria per tutti i bambini, indipendentemente dal loro status migratorio. In risposta all’ingente afflusso di nicaraguensi, molte scuole nel nord del paese hanno iniziato a semplificare i requisiti di accesso per consentire anche ai bambini sprovvisti di documentazione ufficiale di iscriversi.

Moltissimi nicaraguensi si sono recati a Upala, una città di circa 44.000 abitanti in una delle regioni più povere del Costa Rica, ma nonostante ciò le scuole locali hanno aperto le loro porte all’afflusso di nuovi studenti. E poiché, come Lina e Miguel, molti dei bambini nicaraguensi non erano potuti andare a scuola per periodi più o meno lunghi, alcune scuole hanno deciso di offrire loro anche ​​lezioni supplementari per aiutarli a mettersi in pari con gli altri bambini e a integrarsi.

Ramon*, un insegnante della scuola di Lina, ha spiegato che l’obiettivo era aiutare i bambini del Nicaragua a “sentirsi a casa tra queste mura”.

Nonostante le risorse limitate a Upala, i cittadini sono venuti in aiuto dei nuovi arrivati, organizzando collette alimentari e la raccolta di materiale scolastico e altri beni di prima necessità per i loro nuovi vicini nicaraguensi.

La solidarietà a sostegno delle famiglie e degli alunni nicaraguensi non è limitata a Upala. La scuola di Los Laureles, un piccolo villaggio agricolo a circa un’ora e mezza di auto da Upala e vicino al confine con il Nicaragua, ad esempio, ha accolto dozzine di altri studenti nicaraguensi. I nuovi arrivati ​​hanno incrementato l’iscrizione totale alla scuola del 20% rispetto all’anno precedente, secondo gli insegnanti della scuola.

“L’istruzione è un diritto umano.”

“L’istruzione è un diritto umano, per questo gli insegnanti fanno visita alle famiglie nicaraguensi per convincere i genitori che la scuola è un posto sicuro per i loro figli e parlare dell’importanza di continuare i loro studi”, ha affermato Eugenio*, uno dei soli quattro insegnanti della piccola scuola. “Quelle visite servono anche a valutare i bisogni delle famiglie nicaraguensi.”

Eugenio ha inoltre raccontato che lui, gli altri insegnanti, e alcuni membri della comunità hanno lavorato insieme per costruire un’abitazione temporanea per una famiglia nicaraguense che non aveva un posto dove stare.

 

 

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, sostiene le scuole e le comunità ospitanti di paesi e città come Los Laureles e Upala nella realizzazione di strategie delle comunità locali volte a integrare gli studenti nicaraguensi. Attraverso donazioni di banchi, sedie e materiale scolastico, l’Agenzia mira a integrare gli sforzi compiuti dalle autorità locali e dalla popolazione del Costa Rica.

“La generosità dimostrata dal Costa Rica incarna lo spirito del Patto Globale sui Rifugiati”, ha dichiarato Milton Moreno, rappresentante dell’UNHCR in Costa Rica.

“Questi sforzi dimostrano come la solidarietà possa essere messa in atto e servire da ispirazione per tutti noi.”

Approvato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lo scorso dicembre, il Patto Globale ha come obiettivo una più equa condivisione delle responsabilità nell’accoglienza e nel sostegno ai rifugiati, dei quali circa l’80% vive in Stati confinanti con i loro paesi di origine.

Lina e Miguel hanno ripreso gli studi, a sognare e a chiedersi cosa potrebbe riservare loro il futuro. “Sono felice di essere in Costa Rica perché posso studiare di nuovo”, dice Miguel prendendo per mano la sorella e dirigendosi a scuola. “Voglio diventare medico.”

 

I nomi sono stati cambiati per proteggere le persone coinvolte.