Live blog: I rifugiati nell’emergenza COVID-19

Questi sono alcuni dei modi in cui lo staff UNHCR, i rifugiati e i nostri sostenitori in tutto il mondo si stanno attivando per rispondere all’emergenza COVID-19.

A cura dello staff UNHCR | 31 marzo 2020

Le persone costrette a fuggire e le comunità che le accolgono in tutto il mondo sono a rischio man mano che la pandemia si diffonde.
Ecco alcuni dei modi in cui – insieme al personale dell’UNHCR e ai sostenitori – si stanno muovendo per stare al sicuro, essere prudenti… e gentili.

Controlla qui per gli aggiornamenti:

Kuala Lumpur, Malesia

In Malesia le persone possono farsi avanti per il tampone per il COVID-19, indipendentemente dal loro status di cittadinanza. Includere i rifugiati e gli apolidi nella prevenzione e nell’assistenza medica per il COVID-19 è intelligente, prudente e gentile.

Torino, Italia

Mentre il COVID-19 continua a colpire duramente l’Italia, un’associazione fondata da un ex rifugiato sta aiutando i rifugiati appena arrivati nella città di Torino. L’associazione Mosaico ha consegnato cibo, pannolini, articoli per l’igiene femminile e altro ancora per aiutare le persone durante l’isolamento.

Germania

In Germania, i migranti si fanno avanti per colmare una potenziale carenza di personale medico.

Regno Unito

Buone notizie.

Niger

I rifugiati nigeriani che vivono in Niger stanno producendo sapone, e facendo la loro parte per restare al sicuro durante la pandemia COVID-19.

Sudan

Il nostro staff in Sudan lavora 24 ore su 24 per proteggere i rifugiati durante la pandemia COVID-19.

https://twitter.com/UNHCRinSudan/status/1244249251489734656?s=20

Campo di Za’atari, Giordania

I rifugiati siriani del campo di Za’atari, nel nord della Giordania, producono e distribuiscono sapone per prevenire il diffondersi del coronavirus.

https://twitter.com/Refugees/status/1244270839563825154?s=20

Più di tre quarti dei rifugiati vivono nei Paesi in via di sviluppo in America, Africa, Medio Oriente e Asia. Come chiarisce questa storia di Reuters, un’epidemia di COVID-19 metterebbe a dura prova i fragili servizi sanitari locali e causerebbe probabilmente sofferenze e morti evitabili. Prevenire o ritardare le epidemie, in particolare tra i più vulnerabili, è l’azione più importante che possiamo intraprendere in questo momento.

Kabul, Afghanistan

Prevenire le epidemie di COVID-19 è di vitale importanza. Gli afghani che l’anno scorso hanno ricevuto sostegno finanziario per avviare attività di trasporto stanno portando il messaggio sulla prevenzione del coronavirus per le strade di Kabul sui loro tuk-tuk.

Tripoli, Libia

L’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato la Libia tra i Paesi ad alto rischio del Medio Oriente e del Nord Africa. L’UNHCR ha intensificato il suo sostegno alla risposta del settore sanitario al COVID-19, anche nel sud del Paese, difficile da raggiungere.

Portogallo

I paesi dovrebbero seguire il buon esempio del Portogallo. Inclusione, compassione e gentilezza sono sempre la scelta giusta.

Pennsylvania, Stati Uniti

Siamo rimasti stupiti e ispirati dai rifugiati che in tutto il mondo si sono mobilitati per aiutare le loro comunità. Consegnando generi alimentari, questo imprenditore in una piccola città negli Stati Uniti mantiene la sua comunità al sicuro.

Questa importante storia del Guardian (Regno Unito) avverte che mentre i paesi attuano le restrizioni durante la pandemia COVID-19, devono ricordare che agli operatori umanitari deve essere permesso di consegnare cibo, acqua e altre cure salvavita. I paesi devono proteggere tutti, o nessuno è al sicuro.

New York

La lettura del fine settimana! Abbiamo un eccellente elenco di libri, molti dei quali sono stati tradotti in più lingue. Condividete questi titoli con la famiglia e gli amici!

Stati Uniti

La rivista americana InStyle sull’Inviata Speciale dell’UNHCR Angelina Jolie che aiuta i rifugiati e i bambini durante la pandemia COVID-19.

Perché prestare maggiore attenzione ai rifugiati durante la pandemia del Coronavirus? Questo Q&A su Teen Vogue offre delle risposte e dei modi per aiutare.

Guatemala

Il coronavirus significa che il nostro staff e i nostri amici devono trovare modi creativi per comunicare e offrire supporto.

Nowshera, Pakistan

In un magazzino dell’UNHCR a Nowshera in Pakistan, gli operatori caricano un camion con sapone, disinfettante e altre forniture mediche da distribuire ai centri sanitari delle province di Balochistan, Khyber Pakhtunkhwa e Punjab. Il Pakistan ospita più di 1,4 milioni di rifugiati afghani.

Ginevra

Ecco i passi che stiamo compiendo per frenare la diffusione del COVID-19 e salvare la vita dei rifugiati.

Dadaab, Kenya

Il COVID-19 ha costretto le scuole a chiudere a Dadaab, un complesso di campi rifugiati in Kenya che ospita più di 200.000 rifugiati e richiedenti asilo. Ma l’insegnante di inglese Anima ha continuato a tenere le sue lezioni, via radio.

Repubblica Centrafricana

Tornare a casa e restare al sicuro lungo la strada.

Ginevra, Svizzera

Il tipo di ispirazione di cui abbiamo bisogno ora.

Questo articolo del Guardian (Regno Unito) ci ricorda che i rifugiati di tutto il mondo sono pronti a usare la loro esperienza e le loro capacità nella lotta al COVID-19:

Guatemala

Il nostro lavoro è “un’attività essenziale”. Il COVID-19 non ha fermato guerre e persecuzioni.

Campo di Za’atari, Giordania

Una comunità usa dei promemoria visivi per mantenere la distanza sociale.

Valle della Bekaa, Libano

Con il diffondersi della pandemia COVID-19, mantenere i più vulnerabili al sicuro può salvare le loro vite. Il nostro personale in Libano non ha perso tempo e ha iniziato a costruire strutture di isolamento per salvaguardare i rifugiati siriani nella valle della Bekaa.

Milano, Italia

Nella pandemia COVID-19, il portiere del Milan Asmir Begovic sostiene i rifugiati. Grazie per la tua generosità Asmir.

Darfur, Sudan

Con la sicurezza sempre in mente, i nostri colleghi in Darfur indossano le mascherine e fanno quello che fanno sempre: si recano al lavoro.

Ginevra, Svizzera

Un momento di riflessione. Filippo Grandi, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Brasile

Una routine che salva vite. I nostri colleghi e partner in Brasile condividono informazioni su come lavarsi le mani con i rifugiati venezuelani.

Bakhmut, Ucraina

In un centro comunitario per sfollati interni nella regione di Donetsk Oblast in Ucraina, volontari usano macchine da cucire donate dall’UNHCR per produrre mascherine per i residenti.

Stati Uniti

Sfidato dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi a partecipare alla #SafeHands Challenge dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Ambasciatore di Buona Volontà dell’UNHCR Ben Stiller ha adottato un approccio fantasioso…

Uganda

In Uganda, che ospita più di 1,4 milioni di rifugiati, l’UNHCR ha prodotto un video che spiega come i rifugiati possono difendersi dal COVID-19 e sfatare alcuni miti comuni.

Campo di Za’atari, Giordania

Il più grande campo rifugiati della regione ospita quasi 80.000 siriani, e i residenti hanno trovato la loro soluzione per garantire un’adeguata distanza sociale nella fila per le distribuzioni giornaliere di cibo.

Campo di Maratane, Mozambico

Dopo che il Mozambico ha segnalato il suo primo caso COVID-19 all’inizio di questa settimana, i colleghi dell’UNHCR nel principale campo rifugiati del paese hanno iniziato a distribuire sapone e ad offrire informazioni ai residenti su come proteggersi dal virus.

 

Cox’s Bazar, Bangladesh

Nel più grande insediamento di rifugiati del mondo, in Bangladesh, l’UNHCR sta dando informazioni su come prevenire la diffusione del coronavirus e distribuendo sapone per ridurre il rischio di un’epidemia di COVID-19 tra i rifugiati Rohingya.

Canada

La scrittrice Robin Stevenson, che quattro anni fa ha sponsorizzato una famiglia di rifugiati reinsediata in Canada, è stata ripagata per i suoi sforzi. Ora è in auto-isolamento dopo un viaggio, e ha ricevuto un vero e proprio pacchetto di assistenza da quella famiglia.

Varsavia, Polonia

La Rappresentante dell’UNHCR in Polonia segnala un’iniziativa nella città portuale di Danzica, in cui donne rifugiate stanno cucendo maschere protettive – un kit vitale dalla scarsa disponibilità, mentre i sistemi sanitari si sforzano di trattare un numero crescente di pazienti affetti da COVID-19.

Francoforte, Germania

Un ponte aereo dell’UNHCR ha trasportato 4,4 tonnellate di attrezzature mediche vitali, tra cui mascherine, guanti e medicinali essenziali per sostenere la risposta al COVID-19 nella Repubblica Islamica dell’Iran. Il Paese ospita quasi un milione di rifugiati afghani e deve far fronte a carenze critiche all’interno del suo sistema sanitario.

Ginevra, Svizzera

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Fillippo Grandi sottolinea le misure adottate per frenare l’epidemia di COVID-19 nel mondo.