Una madre sudanese ottiene la cittadinanza per i suoi figli dopo sette anni di lotta legale

La vittoria legale di una madre sudanese apre la strada ai suoi figli per continuare a studiare, trovare un lavoro e appartenere al loro paese.

Di Mohamed Elfatih Elnaiem a Khartoum, Sudan | 06 marzo 2020

Quando il Sud Sudan ha ottenuto l’indipendenza dal Sudan nel 2011, Hanan Jaber Abdallah non aveva idea che la mossa storica avrebbe reso invisibili i suoi cinque figli, rendendoli apolidi. Ma come migliaia di persone con genitori di origine mista sud sudanese e sudanese, hanno perso la loro nazionalità sudanese subito dopo la scissione.

Hanan è sudanese, ma le leggi sulla nazionalità sudanese non hanno dato alle madri il diritto di trasmettere automaticamente la cittadinanza ai loro figli. Suo marito, originario del Sud Sudan, non è stato in grado di stabilire la propria nazionalità in nessuno dei due Paesi. E così i loro figli, i cui certificati di nascita dicono che sono nati in Sudan, si sono trovati senza nazionalità.

“Non potevo trasmettere loro la mia nazionalità”, ha detto Hanan. “Non pensavamo che avessero bisogno di un altro documento d’identità”.

“Non riuscivo a dormire la notte. Avevo paura di non poter finire gli studi”.

La prima a realizzare che lei e i suoi fratelli non erano più cittadini è stata la figlia maggiore di Hanan, Benazir. Era il 2012, e Benazir doveva sostenere gli esami di scuola superiore, ma non aveva il documento d’identità richiesto. Quando sua madre ha tentato di ottenerlo, la sua richiesta è stata rifiutata dal Registro Civile del governo.

Benazir era devastata. “Non riuscivo a dormire la notte”, ricordava. “Avevo paura di non poter finire gli studi”.

Ha continuato a studiare, ma si è dovuta iscrivere all’università come se fosse straniera, così come i suoi fratelli minori. Le sue tasse scolastiche erano oltre dieci volte più alte di quelle degli studenti sudanesi e la sua famiglia ha dovuto chiedere un prestito ai parenti.

“Ho anche abbandonato per un anno perché i miei genitori non potevano permettersi le tasse”, ha detto Benazir. “Ho perso un’opportunità di stage come ricercatrice in un laboratorio governativo”.

Dopo aver scoperto che l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, fornisce assistenza legale alle persone a rischio di apolidia, Benazir ha esortato la madre a chiedere aiuto. Per i sette anni successivi, l’unica missione di Hanan è stata quella di assicurare la nazionalità dei suoi figli – e il loro futuro. Grazie alla sua determinazione e al sostegno dell’UNHCR, ha imparato a orientarsi nel complesso sistema giuridico, incontrando regolarmente un avvocato per prepararsi alle udienze in tribunale. Ha visitato l’anagrafe civile almeno dieci volte. Ma i viaggi e l’impegno hanno pesato sulle sue finanze e sulla sua salute. Anche i suoi figli ne hanno sofferto.

“Il mio cuore è pieno di gioia e sento che sta spuntando una nuova alba”.

Una svolta è arrivata il 15 dicembre 2019, quando Hanan ha finalmente ricevuto i certificati di nazionalità per i quali si era battuta. La vita dei suoi figli è cambiata immediatamente. Benazir, che era entrata all’università, si è tranquillizzata, sapendo di poter trovare un lavoro dopo la laurea. Sua sorella può entrare all’università senza pagare tasse esorbitanti. Anche per la sorella minore, che studia alle elementari, non devono più preoccuparsi dei costi. Tutta la famiglia ha detto all’UNHCR che si sente sollevata e che la loro dignità era stata ripristinata.

“Il mio cuore è pieno di gioia e sento come se stesse sorgendo una nuova alba nella mia vita”, ha detto Hanan, che rimane determinata a continuare a sostenere le madri in circostanze simili. Condivide la sua storia ogni volta che può, sperando di ispirare altre donne a lottare per i documenti e per un futuro per i propri figli.

“La perseveranza di Hanan e l’assistenza legale e la rappresentanza nei tribunali da parte dei nostri partner hanno portato a questo cambiamento”, ha detto Eman Awad Naser, funzionario dell’UNHCR a Khartoum. Eman ha aggiunto che la determinazione di Hanan ha impressionato i funzionari del Registro Civile sudanese, che ha aiutato circa 1.300 donne sudanesi a trasmettere la cittadinanza ai loro figli dal 2018. L’UNHCR, dal canto suo, ha fornito assistenza legale a oltre 500 famiglie che hanno perso la cittadinanza sudanese e non hanno potuto ottenere la cittadinanza sud sudanese dopo l’indipendenza del Sud Sudan nel 2011.

Il Sudan ha fatto passi da gigante nel cambiare le sue leggi sulla nazionalità. Tuttavia, rimane uno dei 25 Paesi che ancora non permettono alle donne di trasmettere la loro nazionalità ai loro figli come gli uomini. Il caso di Hanan illustra come le barriere legali, amministrative e procedurali possano ostacolare per anni madri come lei.

Il Sudan è anche firmatario della Dichiarazione di Brazzaville del 2017 sull’eliminazione dell’apolidia nella regione dei Grandi Laghi, che comprende 11 impegni. Tra questi vi sono la riforma delle leggi e delle politiche relative alla nazionalità per garantire la compatibilità con i principi internazionali sull’apolidia, l’adesione alle convenzioni ONU sull’apolidia e l’eliminazione della discriminazione di genere nelle leggi e nelle politiche sulla nazionalità.

La discriminazione di genere nel trasferimento della nazionalità è una delle principali cause di apolidia a livello globale. Quando i padri non possono o non vogliono trasmettere la loro nazionalità ai figli, le madri di questi paesi non hanno scelta. Ci sono milioni di apolidi in tutto il mondo che non hanno accesso ai diritti fondamentali, come l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le opportunità di lavoro. Le cose che la maggior parte delle persone danno per scontate – come sposarsi, aprire un conto in banca o anche viaggiare – possono essere per loro impossibili. I bambini che sono apolidi spesso subiscono discriminazioni non solo da parte delle istituzioni e dello Stato, ma anche da parte delle loro stesse famiglie.

Cinque anni fa, l’UNHCR ha lanciato la campagna IBelong per porre fine all’apolidia nel mondo entro il 2024.